HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


GUNA

Leader nel settore della medicina biologica

 

   

Sodalitas Social Award

Premio Sodalitas Social Award
Finalista
Anno: 2012

“Medicina interculturale: opportunità di integrazione socio-economica per i giovani indigeni”

 

Problema
La conoscenza dei segreti curativi delle erbe risale all’epoca precolombiana, ma le migrazioni ed il processo di disintegrazione delle comunità indigene hanno reso difficile la trasmissione delle conoscenze, mentre la deforestazione ostacola la riproduzione delle erbe.

 

Soluzione
Guna ha deciso di impegnarsi nella creazione di microimprese per la produzione di medicine tradizionali e di farmacie rurali all’interno di una comunità indigena nella regione di Chaco, in Paraguay. Le erbe medicinali in Paraguay rappresentano una realtà unica al mondo con circa 5000 specie differenti.
Le microimprese saranno costituite da giovani indigeni, i quali saranno supportati con una specifica formazione tecnica in materia di: gestione e funzionamento di un vivaio di erbe aromatiche e medicinali; raccolta e produzione di erbe medicinali; sviluppo di farmaci tradizionali; amministrazione e gestione di una microimpresa; principi di marketing e commercializzazione.

Obiettivo principale del progetto – che l'azienda ha avviato in collaborazione con l'ONG COOPI, presente in Paraguay dal 2001 – è ridurre il livello di povertà e di migliorare l’accesso ai servizi di base per la popolazione indigena del Chaco Paraguayo, promuovendo la sistematizzazione dell’inserimento lavorativo, culturalmente ed ecologicamente compatibile, per i giovani del Dipartimento Hayes.

 

 

Risultati
Grazie al contributo di Guna sono stati realizzati: 15 corsi di formazione con gli indigeni delle comunità locali beneficiarie. Gli incontri sono stati realizzati nei mesi di giugno, luglio e agosto 2011 con l’obiettivo di conoscere le piante locali ed i metodi di raccolta da implementare; 5 corsi di formazione e interscambio di saperi, con i leader di comunità che hanno portato ad identificare 53 specie di piante definendone le proprietà, l’utilità e i metodi di utilizzo, produzione e raccolta; la costruzione di un vivaio di 100m2 dotato di un sistema di irrigazione con 20.000 piante medicinali a disposizione.
Hanno beneficiato di queste azioni: 20 giovani indigeni, impegnati nelle microimprese e 400 donne e ragazzi coinvolti nella raccolta di piante medicinali.

 

Sull'impresa

Settore: Chimico-Farmaceutico  
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica