HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

Fondazione del gruppo Credito Valtellinese, finalizzata alla promozione del progresso culturale, morale e sociale del territorio nel quale opera, con particolare riguardo alle tradizionali aree di insediamento (provincia di Sondrio)

 

Progetto Cometa di orientamento per le classi terze degli istituti secondari di primo grado

 

Problema
La difficoltà di spostamento lungo le valli della provincia di Sondrio per raggiungere gli istituti scolastici, la carenza di infrastrutture logistiche, una mentalità che da un lato tende a premiare scelte basate su obiettivi utilitaristici immediati e che dall’altro vuole riscattare la posizione sociale-familiare investendo troppo ambiziosamente sui figli, inducono i giovani ad effettuare scelte scolastiche non sempre coerenti con le proprie aspirazioni, il che ha come conseguenza un vissuto scolastico poco motivato e poco efficiente che porta in alcuni casi alla dispersione scolastica.

 

Soluzione
Il progetto Cometa si colloca nell’ambito di una serie di interventi correlati, dedicati all’attuazione di un piano strategico destinato a favorire la crescita delle risorse umane e l’investimento formativo e valoriale sui giovani, intesi come motore di sviluppo della società futura.
Il progetto di orientamento si caratterizza come percorso formativo, oltre che informativo, destinato principalmente agli alunni delle classi terze delle scuole medie inferiori, ma anche a tutti coloro che hanno una funzione rilevante nel processo di orientamento dei giovani: insegnanti, referenti scolastici, genitori e familiari.
L’elemento caratterizzante del progetto vuole essere l’integrazione tra i diversi ruoli (scuola, famiglia, società) che concorrono a definire la scelta di un percorso di studi corretto per il giovane alunno. L’orientamento si configura in tale contesto come accompagnamento alla scelta di un percorso scolastico o lavorativo strettamente correlato alle inclinazioni, alle potenzialità e agli interesse del giovane. La scelta effettuata, basata sulla maggior consapevolezza e conoscenza di sé e rapportata alle opportunità e ai vincoli del mercato del lavoro locale, dovrebbe consentire un adeguato e proficuo inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro in relazione alle dimensioni locali e nazionali. L’edizione 2005, la seconda realizzata dalla Fondazione, si caratterizza per la totale partecipazione degli istituti scolastici secondari di primo grado dell’intera provincia di Sondrio. Per l’occasione, è stato possibile introdurre un modello comune e condiviso del processo orientativo che consente una maggiore interrelazione tra gli istituti scolastici stessi.
Il progetto nasce dall’esperienza maturata dal responsabile del Settore Orientamento e Formazione della Fondazione, all’interno della funzione Risorse Umane del Gruppo bancario Credito Valtellinese, in particolare nell’ambito della formazione e gestione del personale, opportunamente trasferita e ridefinita alla realtà esterna. Inoltre, per favorire la diffusione dell’informazione e la partecipazione agli incontri, finalizzata al rafforzamento della relazione con gli stakeholder, sono state coinvolte le funzioni commerciali della banca. Il coinvolgimento è avvenuto sia attraverso strumenti di comunicazione classici, sia attraverso incontri di gruppo e convegni rivolti agli interessati, alle autorità ed al pubblico.
La Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, tramite il Settore Orientamento e Formazione, è l’ente promotore e ideatore del progetto, definito sulla base della rilevazione delle esigenze specifiche del territorio, che provvede all’investimento economico e che mantiene il coordinamento di tutte le azioni e relazioni tra i vari partner dell’iniziativa. Le principali partnership per il progetto sono state attivate con: l’Amministrazione Provinciale di Sondrio (tramite gli assessorati all’Istruzione e Cultura e Formazione Professionale); il CROSS (Centro di Ricerche per l’Orientamento Scolastico e Professionale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano); i Dirigenti scolastici di ciascun Istituto partecipante.
Tutte le azioni sono state proposte agli utenti in forma gratuita e la Fondazione ha investito nel progetto circa 80.000 euro, utilizzando parte degli utili della banca Credito Valtellinese destinati alla Fondazione per finalità di intervento nel campo della solidarietà sociale e delle iniziative culturali ad essa demandate. A questi si aggiungono i costi delle risorse impegnate, sia interne che esterne, per un periodo di otto mesi. Infine, si è mantenuto un monitoraggio continuo del programma attraverso contatti diretti con gli insegnanti, referenti dell’orientamento negli istituti scolastici interessati.

 

Risultati
Un primo obiettivo raggiunto è stato il coinvolgimento di tutti gli studenti di terza media della provincia di Sondrio, nel 2005 gli istituti coinvolti sono stati 21, con 79 classi e 1690 alunni. Altri obiettivi saranno misurabili tra alcuni anni dopo aver seguito il percorso scolastico dei ragazzi interessati dal progetto Cometa ed aver verificato la validità della scelta di orientamento effettuata.
L’iniziativa ha ottenuto ampi consensi da tutti gli stakeholder coinvolti ed è stata considerata un esempio d’eccellenza a livello nazionale dall’Istituto Regionale Scolastico della Lombardia.
Il modello si considera replicabile in altre realtà, infatti nel 2004 è stato proposto con successo nel territorio di Acireale (CT).
Dai contatti stabiliti tra i partner sono sorte nuove opportunità, concretizzatesi in ulteriori iniziative complementari e prospettiche a quelle avviate.
Il progetto ha determinato una variazione di tendenza rispetto ai dati nazionali nelle iscrizioni degli studenti di terza media alle scuole superiori, favorendo gli istituti tecnici e professionali rispetto ai licei.

Sull'impresa

Settore: Fondazione d'Impresa Website: www.creval.it/fondazione
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica