HOME PROMOTORI ENTRA IN SODALITAS SOCIAL SOLUTION E SCOPRI I CASI AZIENDALI  
 

CASI AZIENDALI

 

Database dei casi di impresa: 
risultati della ricerca: Caso Completo


CONFCOOPERATIVE RIMINI

Associazione delle imprese cooperative di Rimini

 

Sigea
Rimini (Rimini)

 

Problema

Se da un lato l'economia produce eccedenze - che nella maggior parte dei casi si trasformano in sprechi e rifiuti - e dall’altro la popolazione sfrutta i beni per i suoi bisogni, si avverte la necessità di creare un circolo virtuoso che porti ad incrociare le due "curve" per garantire il soddisfacimento delle due parti e di tutto il tessuto locale.

 

Soluzione

Il progetto Sigea si pone come azione concreta di prevenzione dei rifiuti, di estensione del ciclo di vita dei beni e di riutilizzo degli stessi. Il progetto infatti vuole prevenire la distruzione di prodotti non commerciabili per motivi diversi (di dimensioni, di prezzo, di qualità); assorbire la quantità di prodotti ancora edibili e di buona qualità che vengono scartati a causa del forte turn-over sugli scaffali (soprattutto nel periodo estivo); riutilizzare i pasti non consumati presso le mense scolastiche e delle altre realtà istituzionali sul territorio; ridurre la quantità di rifiuti smaltita ogni anno, salvando i prodotti dal ciclo dei rifiuti con un notevole beneficio per tutti gli stakeholder, a partire da una riduzione dei costi e dell'impatto ambientale. Un approfondimento merita il discorso della rete in quanto è fondamentale lo sforzo riconosciuto nell’includere tutti i soggetti del territorio: impresa, ente Non Profit, ente pubblico ed i diversi stakeholder. Con gli enti istituzionali, a partire dal Comune di Rimini e con gli altri partner del progetto, verranno stabilite le “regole del gioco” ovvero la migliore interpretazione e applicazione delle normative vigenti al fine di garantire la massima sicurezza igienico-sanitaria e fiscale-amministrativa oltre che la migliore soluzione logistica ed organizzativa. Le innovazioni di processo del progetto si situano nelle singole filiere per poter facilitare la gestione dello scarto e al tempo stesso, gestire in maniera sistematica la risorsa formata dalle eccedenze nelle aziende logistiche e di ricezione. La sostenibilità economica del progetto è garantita dalle esenzioni che esistono per legge e garantisce continuità di gestione delle risorse alle imprese.

 

Risultati

Le attività svolte nell'arco dei primi mesi d’esecuzione del progetto sono relative all'opera di coinvolgimento degli stakeholder nell'ottica di attivare un'operazione di Fund Raising strategica per procedere ad una fase successiva sia in termini di riorganizzazione della gestione dei prodotti, sia di capacità di potenziare un network di soggetti per dar vita ad una rete di coordinamento del sistema, nella prospettiva di ottimizzare i flussi di generi alimentari recuperati a vantaggio della comunità e limitare i rifiuti. Questa fase è ancora in corso d’opera, si è perciò proceduto con l’analisi comparata dei sistemi organizzativi di recupero delle eccedenze alimentari, un’analisi del contesto e dei modelli organizzativi delle imprese di riferimento. Infine, si è completata la fase dello studio delle normative di riferimento per gestire al meglio le dinamiche organizzative in tema di recupero, trasporto e stoccaggio dei prodotti dei rifiuti e gestire le dinamiche fiscali anche attraverso dei premi fiscali per i soggetti aderenti. Nonostante le attività previste dal piano di intervento siano state rispettate il progetto SIGEA deve ancora ultimare la costruzione del network di imprese e associazioni per la creazione di un'esperienza pilota tramite il reperimento di risorse economiche (per riorganizzare la gestione logistica e amministrativa) e risorse materiali (i beni da conferire). Oltre all'attività di costruzione della rete, che ha visto l'interesse entusiasta di molte associazioni di categoria, sono stati infine effettuati incontri di approfondimento e presentazione del progetto verso la cittadinanza, e le formazioni sociali: l'evento "Trenino della Solidarietà" sul tema della lotta allo spreco alimentare ed il riutilizzo dei beni e la presentazione dello stesso progetto in Assemblea di Figli del Mondo. Si segnala inoltre la pubblicazione di un articolo sulla rivista Tutto Rimini Economia del mese di Novembre 2010 e sul mensile di Confcooperative, Lettere della Cooperazione.

Sull'impresa

Settore: Associazionismo imprenditoriale e distretti industriali Website: www.rimini.confcooperative.it
 

 

 

     
       
In collaborazione con Impronta Etica